a

 

varie

Mercoledì 26 Aprile 2017 16:00

Trump sbeffeggia, Gentiloni si inchina

E'  notizia dell'altro ieri che nell' incontro tenutosi lo scorso 21 aprile tra il premier americano e quello italiano, il primo abbia intimato al suo "alleato" di essergli sempre più fedele e supino. Come? Attuando una stretta sulle quote, sempre più onerose, da versare per rispettare gli impegni sovranazionali pattuiti tra i membri della NATO. Una richiesta fatta con la tracotanza belligerante che contraddistingue Donald Trump, che ha incassato l'assenso a testa bassa da parte di Gentiloni, spalleggiato dalla Pinotti.…
  Soffriva di cleptomania, caduto accidentalmente è morto nel carcere romano di Regina Coeli. Doveva scontare un residui di pena di un anno. Alla fine del 2016 i detenuti dai 60 anni in su sono 4000 di cui ben 715 hanno superato i settant’anni La memoria va al film di Vittorio De Sica, ma questa storia è, purtroppo, molto diversa da quella che ha avuto come protagonista un signore di 80 anni, morto domenica nel carcere romano di Regina Coeli.…
In questi giorni la Commissione Giustizia della Camera ha concluso l'esame degli emendamenti presentati alla proposta di legge n.3891, che introduce una serie di modifiche ad alcuni articoli del codice penale relativi ai reati di intimidazione o minaccia, estendendoli e rafforzandoli a tutela di amministratori, politici e magistrati. Il testo aveva già ricevuto l'approvazione del Senato durante l'estate col nome di "Disposizioni in materia di contrasto al fenomeno delle intimidazioni ai danni degli amministratori locali" e prevedeva aumenti variabili (da…
Nel Def 2017 (documento di programmazione economica e finaziaria) del governo Gentiloni-Renzi si legge la sostanziale intenzione di sostituire la sanità pubblica con un sistema di mutue aziendali e assicurazioni integrative, concordate con le singole aziende da parte dei lavoratori al posto di una parte di salario monetario (insieme all'annunciata riforma dei ticket). L'idea nasce dal Jobs act e nel mondo delle assicurazioni si chiama "welfare on demand" e in prospettiva il sistema sanitario nazionale dovrebbe rimanere solo come carità…
Con una cerimonia al porto di Gaza oggi centinaia di palestinesi ricordano l’attivista italiano assassinato sei anni fa. Intervista a Khalil Shahin, vice direttore del Centro per i diritti umani e amico di Vik. di Michele Giorgio Gaza, 15 aprile 2017, Nena News – Si vedranno oggi al porticciolo di Gaza city per commemorare il sesto anniversario dal sequestro e l’assassinio di Vittorio (Vik) Arrigoni. Pescatori, contadini, amici, conoscenti, i ragazzi del Centro italiano di scambio culturale che porta il…
Carissim* Amic* e Compagn*, dopo la lunga salita sembra esser iniziata la discesa e anche quest’oggi sono a casa per un permesso. Al contrario delle ultime due apparizioni di appena 6 ore mi sono sono stati concessi 4 giorni di libertà e il sol pensiero di svegliarmi domani mattina nel mio letto, senza sentire quel maledetto tintinnio di chiavi che da due anni mi dà il buongiorno, già mi fa strano. L’impatto con la libertà, e non lo nego, è…
Mi ha fatto amaramente sorridere in questi giorni una circolare del Dipartimento Amministrativo Penitenziario che cambia il linguaggio burocratico delle carceri trasformando il lessico e, tra le varie, disponendo di chiamare le “celle” in “camere di pernottamento”. Io penso che nella stragrande maggioranza dei casi, sia già troppo chiamarle celle perché le chiamerei piuttosto con il loro vero nome: tombe, o ossari, o fogne, o loculi. La motivazione di questa circolare mi fa indispettire ancor di più quando afferma che…
Torno ad essere prigioniero tra le mura di casa per un periodo di 15 mesi, pena residua della condanna a 5 anni per il reato di devastazione e saccheggio per gli scontri del 15 ottobre 2011 a Roma. La magistratura romana porta avanti la vendetta voluta  dai poteri forti e non è bastato documentare la difesa  con un contratto di lavoro, la disponibilità di un associazione di volontariato e le esigenze della famiglia, soprattutto di mio figlio, per avere l’affidamento…
In primo luogo voglio ringraziarla sentitamente per aver trovato tempo per un colloquio. Per prima cosa potrebbe presentarsi?Il mio nome è Aldar Xelil. Sono rappresentante del coordinamento TEV-DEM. TEV-DEM è il Movimento per una Società Democratica. Siamo per così dire l’istanza di coordinamento delle strutture di autogoverno di democrazia dal basso. E anche rappresentanti della società civile fanno parte del TEV-DEM. L’ultima volta che abbiamo avuto un colloquio è stato nell’estate 2015 nel Rojava. Quali sviluppi ci sono stati da…
Pagina 1 di 100