a
STORIA di CLASSE

Sabato 25 Marzo 2017 07:23

25 marzo 1871: la Comune di Parigi

Il 25 marzo 1871, i cittadini di Parigi, che già dal 18 marzo avevano, con una rivolta, assunto il controllo della capitale, prendono anche formalmente il governo della città, dando inizio a quell'esperienza rivoluzionaria che prese il nome di Comune di Parigi. La Comune di Parigi si inserisce in un contesto europeo di profondi mutamenti geopolitici, caratterizzato anche da numerosi percorsi rivoluzionari. Nell'ambito francese in particolare, gli albori della Comune si vedettero in un momento in cui le truppe prussiane…
Domenica 24 marzo 1985, Trino Vercellese, un piccolo paese della bassa piemontese, è il teatro di una delle più grandi manifestazioni contro il nucleare in Italia, ed è un passaggio fondamentale di questo movimento.La manifestazione era stata indetta contro il progetto di costruzione di una centrale nucleare sul territorio di Trino della potenza di 2000 Mw.E' importante dire che in questo comune era già presente dal 1964 un'altra centrale nucleare da 270 Mw, la Enrico Fermi, la quale fu una delle…
Giovedì 23 marzo 1944: Rosario Bentivegna, partigiano dei Gap, gruppi di azione patriottica , gira per Roma vestito da netturbino, trainando un carretto di ferro che contiene immondizia. In mezzo all'immondizia sono nascosti 18 chili di tritolo, attaccati ad una miccia. Alle due del pomeriggio arriva a via Rasella, dalla quale sarebbero dovuti passare da lì a poco gli occupanti tedeschi. L'undicesima compagnia del SS-Polizeiregiment "Bozen" , formata da circa centocinquanta soldati, arriva pochi minuti prima delle quattro. Bentivegna accende…
Mercoledì 22 Marzo 2017 07:08

22 marzo 1973: fazzoletti rossi a Mirafiori

Dal ‘70 al ‘72 la conflittualità interna alla Fiat è continuata senza sosta. La risposta strategica della direzione si definisce come ristrutturazione e riconversione: trasferimenti, licenziamenti, decentramento ed esternalizzazione della produzione, ma anche automazione per abolire le lavorazioni più nocive, riconoscimento delle strutture sindacali per favorire la mediazione.  Dal novembre 1972 la lotta operaia a Torino inventa parole d’ordine nuove. Si individua la fabbrica come centro nevralgico, mentre il reparto diviene centro dello scontro e di espressione di contropotere che gli…
Martedì 21 Marzo 2017 07:08

21 marzo 1982: Mazlum Dogan

Il 21 marzo 1982, giorno del Newroz (il capodanno curdo), come da tradizione in tutta la regione vengono accesi fuochi per festeggiare il nuovo anno. In realtà per la popolazione curda non ci sono molti motivi per festeggiare: a seguito del colpo di stato del 1980 ad opera dell’esercito turco, tutti i partiti sono stati sciolti, la lingua e la cultura curde vengono vietate, e il PKK (Partîya Karkerén Kurdîstan) viene perseguitato duramente, i militanti vengono indagati per cospirazione, arrestati,…
Dall'agosto 1919 si erano andati organizzando delle fabbriche di Torino i "Consigli di Fabbrica" che riuniscono tutti i commissari di reparto eletti dagli operai, già ad ottobre i consigli rappresentano più di 30.000 operai. L'affermarsi di questi nuovi organismi di potere nelle fabbriche trova la netta opposizione degli industriali con la connivenza del partito socialista che riesce a mantenere all'oscuro i militanti del resto d'Italia di cosa stava accadendo a Torino. Gli industriali ponevano la questione in termini di forza…
Domenica 19 Marzo 2017 10:49

19 marzo 1977: il circolo Cangaceiros

Il 19 marzo del 1977 viene occupata a Torino "la villa" sede del circolo del proletariato giovanile "Cangaçeiros" situata in Corso Orbassano 170-172 nel quartiere Santa Rita a Torino. Il circolo "Cangaçeiros" sarà uno dei luoghi di sperimentazione politica, sociale e culturale più interessante di Torino in quell'anno. Già dall'inizio il nucleo che condusse l'occupazione era circa di 300 persone in gran parte provenienti dal quartiere, a cui poi si aggiunsero un sempre crescente numero di giovani proletari provenienti da…
Sabato 18 Marzo 2017 08:22

18 marzo 1978: Fausto e Iaio

Sabato 18 marzo 1978, ore 21.10,Milano, via Mancinelli, tre killer sparano e uccidono Fausto Tinelli e LorenzoIannucci, entrambi di 19 anni e attivi all'interno del centro sociale Leoncavallo. Fausto e Iaio sono due compagni noti nel quartiere Casoretto peressere attivi nel centro sociale ed in quel particolare periodo perchè sistanno occupando, assieme ad altri, di redigere il cosiddetto "librobianco sullo spaccio", un'inchiesta che cerca di dare una fotografiacompleta dello spaccio soprattutto di eroina e cocaina ed i suoi collegamenticon i…
  Le 4 giornate di Napoli. Così sono stati soprannominati (come il celebre film di Nanni Loy riferito all'isurrezione che nel 1943 liberò Napoli dai fascisti) i 4 giorni di mobilitazione in cui per la prima volta il movimento contro la globalizzazione ha espresso il suo potenziale in Europa. 30.000 persone hanno attraversato le strade di Napoli con un obbiettivo comune: violare la zona rossa e smascherare la Banca Mondiale e l'Ocse.   Le 4 giornate si sono susseguite con…
Pagina 1 di 7