a

 

Mercoledì 19 Aprile 2017 15:18

Estorsione e ricatto nello stage dell'alternanza scuola-lavoro

  • Stage dell'alternanza scuola-lavoro. Un'azienda meccanica di Gattico, provincia di Novara. Un diaciasettenne si porta a casa della merce, circa 400€ di valore. olivertwistdisUn rimborso spese. Il capo, con un'ottima strategia formativa, lo ricatta. Prima chiede 600€. Il ragazzo vende la playstation e i videogiochi e consegna i soldi per evitare che vengano contattati i suoi genitori e la scuola. Il capo allora chiede 5000€. Il gioco non vale la candela e la vicenda viene fuori. I genitori dello studente denunciano l'azienda e il capo viene arrestato.

    Questa è solo una delle storie di chi ogni giorno si ritrova nei meandri degli stage previsti dall'alternanza scuola-lavoro. Staccare biglietti al cinema, alle mostre e agli eventi culturali della propria città nel migliore dei casi. Nel peggiore venire ricattati. Un'educazione all'inserimento nel mondo lavorativo: lavoro non retribuito, ricatti, nessuna autonomia, disciplinamento. I comportamenti di rifiuto della svalutazione della propria vita e della propria formazione si declinano informalmente in tante forme. Il furto-retribuzione è una di queste.

    Questa è la formazione di Poletti, Giannini, Fedeli.. Servitù nelle aziende, ricatti, educazione alla subalternità.