a

 banner 8 marzo infoaut copy

la sicilia contro il g7

SAPERI

Ha toccato ormai quasi un mese di durata la mobilitazione a Bologna partita dagli ormai famosi fatti dei "tornelli". Un mese di cortei, assemblee, iniziative politiche e di autogestione che hanno messo in moto una parte della comunità studentesca bolognese, quella che non accetta una ristrutturazione dell'Università, e quindi della propria vita, in senso pienamente supino alle direttive della riforma Gelmini. Centinaia di persone sono attivamente parte di questa mobilitazione, che non è stata scalfita nemmeno dai tentativi del Rettore…
Il disinvolto appello alla “tecnica”, utilizzato dal Rettore dell’Università di Bologna, Francesco Ubertini, per tentare di smorzare lo scontro sulla questione del libero accesso alla Biblioteca di Discipline Umanistiche di via Zamboni 36, è quantomeno curioso e impone una riflessione approfondita. «Dobbiamo spostare l’attenzione dal tema del controllo degli accessi che è una questione tecnica e non politica», dichiara il Rettore a mezzo stampa (1) : l’ambito del politico, quello dello scontro e della possibilità concreta del dissenso, con tutto…
Il 21 febbraio l'ANVUR (agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca) ha pubblicato il suo rapporto relativo agli anni 2011-2014. Non è una delle tante classifiche degli atenei, ma i risultati delle valutazioni dell'ANVUR hanno un ruolo importante per il sistema universitario italiano post-riforme/tagli Gelmini. Infatti, questi risultati serviranno per ripartire su base premiale 1,4 miliardi del fondo di finanziamento ordinario, il quale ammonta complessivamente a 7 miliardi. Insomma un modo per aumentare la concorrenza in un…
Riportiamo e diffondiamo questa lettera scritta da una dottoressa di ricerca torinese in cui spiega le ragioni che recentemente l'hanno portata a rifiutare un lavoro di ricerca in collaborazione con l'Università israeliana di Tel Aviv (il testo è stato pubblicato sulla pagina del Collettivo Universitario Autonomo di Torino): La necessità di scrivere queste righe sorge da un episodio, sicuramente non straordinario, che mi ha portata a confrontarmi con la natura politica delle scelte personali di chi lavora in ambito accademico.…
In questi giorni di conflitto che attraversano la città di Bologna, tanti, troppi avvoltoi si sono sentiti liberi di dire la loro. Dai giornalisti leccapiedi del PD  al rettore dell'università, dal sindaco alle questure,hanno tutti cercato di oscurare una verità per loro dolorosa: tutte le manifestazioni e le assemblee di questi giorni hanno visto la partecipazione di centinaia, a volte migliaia di studenti, e non solo. Questa verità crea preoccupazione anche da lontano, tanto che pochi giorni fa  Torino Fabrizio…
Quasi 2000 persone sono scese in piazza a Bologna oggi, nell’ennesima dimostrazione di forza e consenso da parte degli studenti e delle studentesse; un corpo studentesco in mobilitazione contro l’installazione di tornelli nella Biblioteca del 36, ma ormai soprattutto contro il carico simbolico che ormai quella decisione porta con sé, quel carico di esclusione e di disprezzo che i giovani della città sentono sempre di più sulla loro pelle. In corteo, come nei bar, nelle piazze e nelle lezioni, non…
Giovedì 16 Febbraio 2017 14:12

Palermo: studenti occupano Rettorato

Stamattina, una cinquantina di studenti dell’Università di Palermo ha occupato gli uffici del Rettorato per difendere la biblioteca autogestita “Labaut”. Il posto in questione è stato occupato dagli studenti dei corsi di laurea in Scienze politiche, Ingegneria ed Economia, più di tre anni fa, per rispondere alla necessità di luoghi in cui studiare, confrontarsi e costruire punti di vista critici nei confronti delle istituzioni universitarie sempre più sorde alle istanze e alle rivendicazioni di diritti.Hanno chiesto un incontro con il…
Mercoledì 15 Febbraio 2017 12:03

Cosa c'è oltre un tornello?

  Pubblichiamo questo bel contributo inviatoci da una nostra lettrice, interna alle piazze e alle assemblee bolognesi degli ultimi giorni. Il testo ci pare riassumere quello che è stato un sentire comune dei manifestanti, che nell'opposizione all'introduzione dei tornelli hanno visto qualcosa di più..   Quando si aprono processi di lotta, anche la più piccola delle contraddizioni può esplodere rivelando il carico simbolico generale che si porta dietro. Così difendere gli alberi di Gezi Park era un simbolo di resistenza…
Nei giorni scorsi il Professor Vago, Rettore dell'Università Statale di Milano, ha vietato lo svolgimento di un incontro pubblico con Davide Grasso, combattente italiano Ypg, che si sarebbe dovuto tenere nell'ateneo milanese. L'incontro si svolgerà nonostante i divieti, ma Davide ha rivolto una lettera al Rettore.   Al prof. Gianluca Vago, Rettore dell’Università Statale di Milano, in merito alla mancata autorizzazione del mio intervento di lunedì prossimo - Rettore, quando il mio gruppo combattente è penetrato in una scuola abbandonata…
Pagina 1 di 66