a

 

Mercoledì 12 Aprile 2017 10:37

Se scioperi l'8 marzo arriva il provvedimento disciplinare

  • solaroÈ successo all'Electrolux di Solaro (Mi), dove 26 tra lavoratrici e lavoratori della multinazionale svedese degli elettrodomestici, sono stati raggiunti da un provvedimento disciplinare per aver esercitato il diritto di sciopero in occasione della giornata dello sciopero globale delle donne di questo 8 marzo. A giudizio dell'azienda nessuna sigla sindacale tra le sigle sindacali di fabbrica avrebbe convocato lo sciopero e pertanto ciò motiverebbe i provvedimenti. Un pretesto, considerato che le modalità di convocazione dello sciopero sono state analoghe ad altre agitazioni passate. Le lavoratrici e i lavoratori colpiti dai provvedimenti sono donne e uomini appartenenti a diverse organizzazioni sindacali o non aderenti a nessun sindacato.

    “La direzione di una grande azienda, che reprime chi sciopera proprio l'8 marzo, vuole mandare invece un messaggio molto chiaro: non c'è spazio per i diritti, tutti devono accettare il modello economico e culturale, autoritario e patriarcale, imposto da chi comanda, da chi ha in mano il potere. Questi provvedimenti persecutori sono la prova lampante che la battaglia per i diritti delle donne è parte imprescindibile della lotta per l'emancipazione dallo sfruttamento delle lavoratrici e dei lavoratori, delle donne e degli uomini.” ha dichiarato Maria Quarato, Sportello Donna Cub Milano.

    La rappresaglia funge anche da intimidazione in vista di eventuali proteste in scadenza dell'accordo aziendale che ha imposto, ormai da un anno, i contratti di solidarietà con il ricatto dell'occupazione. Contro l'intimidazione padronale è stato convocato domani uno sciopero di due ore a fine turno.