a

 noass

MIGRANTI

Appello di solidarietà per la realizzazione di una cassa di resistenza al fine di organizzarsi contro l’intensificazione della repressione da parte della polizia , della giustizia e delle politiche condotte alla fontiera tra Mentone e Ventimiglia A giugno 2015, il ministero degli interni, con la collaborazione del prefetto delle Alpi-Marittime, ha deciso di ristabilire una frontiera fisica tra Mentone-Ventimiglia. Ogni giorno tra le ottanta e le cento persone vengono fermate arbitrariamente, de-portate successivamente alla Paf (Posto di polizia di frontiera)…
 Sabato 19 settembre 2015, alle ore 14.30, oltre 600 persone hanno preso parte alla manifestazione di San Colombano di Collio (Alta Valle Trompia, provincia di Brescia) “#refugeeswelcome”, organizzata per “il diritto alla libera circolazione, di movimento, ad un’accoglienza degna; contro la guerra tra nativi poveri e migranti poveri, per reddito e dignità per tutte e tutti, per una Val Trompia libera e solidale!”. Nella piccola frazione montana di Collio da settimane una ventina di profughi sono vittime di provocazioni e…
Si infittiscono le problematiche inter-istituzionali dettate da quella che è stata definita "emergenza profughi" nella Fortezza Europa.  La riluttanza dell' Ungheria, che continua ad erigere recinzioni lungo il confine con la Serbia, ha fatto sì che decine di migliaia di persone si siano dirette in Croazia, con una situazione difficilmente gestibile per Zagabria, basti pensare agli scontri di ieri con la polizia che è stata costretta a desistere dal respingimento di oltre 500 persone.Non a caso, il premier croato è…
E' notizia di pochissimo tempo fa che la polizia tedesca ha sparato a salve verso decine di persone che hanno tentato di passare dalla frontiera che separa Austria e Germania. Allo stesso tempo, a Rozske e in altri punti dell' Ungheria assistiamo al faccia a faccia tra forze militari e migliaia di persone accalcate alle recinzioni che fanno pressione tentando di oltrepassarle e/o abbatterle in barba al contingente repressivo da vero e proprio stato di guerra. Senza incontrare particolari ostacoli…
Centinaia di persone hanno partecipato ieri a Torino alla fiaccolata indetta in occasione della giornata europea di solidarietà con i rifugiati/e, una giornata che ha voluto dare un messaggio chiaro a chi, di fronte alla situazione cratasi negli ultimi mesi, cerca di nascondersi dietro una falsa indignazione continuando a perpetrare ipocritamente politiche di respingimento, così come continua a identificare nel migrante il nemico, soffiando sul fuoco della guerra tra poveri. La fiaccolata, partita davanti alla stazione di Porta Nuova di…
Continuano i blocchi delle forze di polizia alle frontiere per impedire ai migranti di raggiungere la Germania. L'esercito ungherese si prepara ad organizzare i propri agenti per aumentari i controlli sul confine serbo. Il blocco dei treni in Danimarca sembra che per adesso sia stato revocato, riprendendo così i collegamenti con la Germania mentre gruppi razzisti e xenofobi danesi hanno iniziato una campagna mediatica contro i migranti. Infine in Germania sgomberato un immobile occupato da autonomi e solidali che mirava…
Migliaia di persone trattate come bestie, numerate sulle braccia o stipate nei treni, bloccate alle frontiere o nelle stazioni, rincorse lungo i fili spinati o nei pressi dei porti, restituiscono la realtà delle politiche perpetrate da anni dai governi europei. Da Kobane a Ventimiglia, da Budapest a Calais e dai Balcani a Lampedusa, chi non è eliminato nello sterminio delle guerre, degli annegamenti o delle morti per asfissia soffocherà diversamente, benché vivo, nelle maglie delle procedure amministrative fatte di sbarre…
Al grido di “libertà, libertà”  i migranti, che hanno animato quest’estate la vita del presidio permanente No Border Ventimiglia, invadono ancora una volta le strade che si trovano sul confine italo-francese di Pont Saint-Ludovic. L’azione è rapida e decisa, i migranti bloccano in maniera alternata prima il flusso di macchine che proviene dalla Francia verso l’Italia e poi nella direzione opposta, quello proveniente da Ventimiglia. La facilità con cui il confine italo-francese viene attraversato ogni giorno da migliaia di persone…
In più di 500 persone a Bologna hanno risposto domenica 6 settembre all'appello lanciato dal presidio NoBorders di Ventimiglia per costruire piazze solidali con la lotta dei migranti sugli scogli della cittadina ligure e contro le politiche di intimidazione nei confronti dei migranti e dei tanti solidali che hanno sostenuto il presidio negli ultimi mesi.   Organizzata dalla rete Eat the Rich, che da mesi segue la vicenda da vicino, la manifestazione è stata sostenuta e rilanciata da molte realtà…