a

 
banner 25 marzo

 

MIGRANTI

Ieri pomeriggio circa 300 persone, tra migranti, studenti e lavoratori si sono riunite per dare il loro supporto alla lotta del mondo arabo. La città ha espresso la sua solidarietà ai popoli nordafricani, specialmente alla resistenza libica che in questi giorni si sta scontrando con un’altissima repressione. Aprivano la manifestazione tanti ragazzi nordafricani, finalmente orgogliosi di sventolare le bandiere dei loro paesi, disegnate o cucite a mano, e desiderosi di partecipare all’entusiasmo dei loro popoli che stanno abbattendo i regimi…
Mentre stiamo lavorando per ulteriori aggiornamenti sui conflitti del Maghreb, che pubblicheremo a breve, diamo spazio allo speciale curato da Amisnet su uno dei maggiori frame sul quale si sta occupando stampa mainsteam e politica, nella palese opera di rimozione e deviazione della potenza politica di quanto sta avvenendo a due passi dall'Italia, cascando ancora su una dimensione semplicistica ideologica quindi allarmistica.   Sarebbero circa duecentomila i migranti che si sono riversati ai confini della Libia nel tentativo di lasciare…
L’onda lunga delle rivoluzioni in Maghreb e della crisi libica sta profondamente segnando anche la nostra sponda del Mediterraneo come testimoniano i sempre più frequenti episodi di evasioni e rivolte nei Cie, nonché la forza con cui le mobilitazioni del primo marzo in Italia hanno assunto le rivendicazioni di libertà e dignità che provengono dal Nord Afica. Lo scenario che si sta aprendo tende ormai a scavalcare il primo impatto emotivo di mera solidarietà a delle lotte geograficamente collocate altrove;…
Mercoledì 02 Marzo 2011 13:46

Primo marzo bolognese

Il primo marzo bolognese inizia la mattina con la manifestazione degli studenti del Fioravanti e del Collettivo Autonomo Studentesco, conclusasi con l'incontro con la Provincia. Il Fioravanti è un'istituto professionale ad altissima densità di ragazzi figli di genitori migranti. L'istituto si trova di fronte al Museo di Arte Moderna di Bologna, e lo si vuole accorpare ad un altro istituto di Casalecchio (fuori Bologna) per liberare la struttura e costruirci un Hotel. Durante l'incontro, al quale hanno partecipato una delegazione…
Un migrante cui viene rifiutato il permesso di soggiorno si dà fuoco in Questura. Per il secondo anno la giornata del primo marzo si conferma un appuntamento importante nella  città di Torino. Più di 1500 persone si sono ritrovate al concentramento di fronte alla stazione di Porta Nuova nel tardo pomeriggio, per poi attraversare tutto il centro città fino in piazza Castello, di fronte alla sede del governo regionale del leghista Cota. La scadenza di quest'anno non è stata preceduta…
Gradisca, Modena ,Torino, Bologna: si allargano le sollevazioni dentro i Cie. Se il primo Marzo deve essere una giornata di mobilitazione per ma soprattutto dei migranti, è giusto e naturale che a questa giornata partecipino anche quei/le migranti che patiscono la forma più dura di controllo e negazione dei diritti: i reclusi e le recluse dei cie. E così, con l'avvicinarsi della scadenza - e forse anche caricati dalle vittorie dei loro fratelli e sorelle sull'altra sponda del Mediterraneo -…
Martedì 01 Marzo 2011 09:51

Appello nazionale per il Primo Marzo 2011

Appello nazionale del movimento Primo Marzo insieme contro il razzismo, contro i ricatti, per i diritti di tutte e tutti   Lo scorso Primo Marzo oltre 300mila persone si sono mobilitate in tutta Italia per dire no al razzismo, alla legge Bossi-Fini, al pacchetto sicurezza, ai CIE e sì a una società multiculturale e più giusta. In molte città lavoratori italiani e migranti hanno scelto di scioperare insieme, uniti dalla consapevolezza che il razzismo istituzionalizzato (in spregio alla nostra Costituzione…
di Radio Onda D'urto L’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato ha deciso questo pomeriggio di sospendere le istanze di rigetto delle richieste di sanatoria, pronunciandosi quindi in favore degli appellanti: migranti che avevano fatto richiesta all’interno della sanatoria truffa del 2009 e che gli era stata negata perchè soggetti ad un decreto di espulsione comminato antecedentemente alla domanda di regolarizzazione. La doppia espulsione, afferma il Consiglio di Stato, deve comportare una valutazione di merito da partedi un tribunale amministrativo. Nel…
Sabato 26 Febbraio 2011 16:26

Le bocche cucite

Si è cucito le labbra, con del filo bianco. Così un ragazzo di 30 anni, rinchiuso nel Cie di Bologna da dieci giorni ha cercato di fare uscire la sua protesta dai muri di via Mattei. Nonostante il suo gesto estremo, però, il suo messaggio arriva distorto, come da una terra dimenticata, lontana, isolata. Siamo a pochi chilometri dalle Due Torri bolognesi, ma a due giorni di distanza le notizie sulla vicenda non sembrano ancora chiare. In prima battura l'ansa…