a

banner9 01

Sabato 15 Ottobre 2011 21:02

Doveva finire con qualche comizio... In primo piano

  • In Italia la giornata del #15 ottobre ci consegna una realtà che mentre scriviamo viene descritta fotogramma per fotogramma dai tg e dai siti informativi, come il giorno in cui un manipolo di teppisti si é impossessato di una giusta causa ed ha rovinato tutto.

    Più o meno le stesse parole di Mario Draghi, e quelle di Bersani che si spinge più in là, chiedendo a Maroni di riferire in parlamento nei prossimi giorni perché, come per il 14 dicembre dello scorso anno, si ha paura che i ragazzi colorati con le tende o avevano al loro interno qualche infiltrato di Kossiga memoria, o che le forze dell'ordine abbiano "lasciato fare" il manipolo di teppisti apposta.
    La realtà ancora una volta è un' altra e va ben al di là di queste considerazioni e di quelle che iniziano a circolare tra il movimento.
    Al 15 ottobre ci si è arrivati in una situazione assurda, dove gli organizzatori dei comizi finali in piazza San Giovanni, avevano desistito da tempo di sfilare verso i palazzi del potere romano, che era l'unica cosa incisiva in una giornata del genere. Le iniziative dei giorni scorsi volevano smorzare e incanalare una rabbia diffusa e irrapresentabile che oggi si è manifestata in tutta la sua espressione.
    Può anche essere vero che all'inizio la giornata avesse preso una piega difficile da spiegare (ma più comprensibile di altre volte se possiamo dire) con l'attacco a banche, Suv e compro oro, ma poi quello che si è visto è stato tutt'altro che qualche gruppo di esagitati, infiltrati, carabinieri o fascisti che dir si voglia nei social network.
    Si è visto un corteo di giovani, per lo più giovani, non rappresentati da nessuno neanche all'interno del movimento, che in quel "Que se ne vayan todos", si sono riconosciuti appieno.
    Giovani studenti, precari o disoccupati che si sono portati anche la maschera antigas nello zaino, perché pensavano di partecipare ad una giornata di riscossa, un po' come per il 14 dicembre dell'anno scorso, dove nonostante tutti i calcoli degli organizzatori, il corteo straripò, fuori dai recinti e dalle mediazioni.
    Diciamola tutta, se c'era un paese che doveva trasformare l'indignazione in incazzatura di massa, quello era proprio l'Italia, che vive un presente veramente penoso.
    La giornata di oggi, piazza San Giovanni nella fattispecie, si è trasformata in ore di resistenza di massa alle forze dell'ordine, chiamate a respingere una rabbia sacrosanta verso un presente di austerity. Magari non è comprensibilissimo ai più, ma le ore di resistenza romana odierna hanno detto chiaro e tondo che al debito, ai sacrifici, alla casta, all'austerity a senso unico, che ribellarsi è qualcosa che può unire, e che può succedere.
    Oggi poteva solo succedere qualcosa in più dei piani prestabiliti, era normale, era nell'aria, spiace che ci sia chi non lo ha voluto vedere e si è voluto coccolare il suo orticello fatto di qualche poltroncina con Sel alle prossime elezioni.
    Spiace la rinuncia degli organizzatori a puntare dritta verso i palazzi del potere, perché questo ha lasciato di fatto mano libera alla spontaneità, che non essendo indirizzata, ha consumato, dall'inizio, passo per passo, l'attacco a tutto ciò che è considerato simbolo del sistema di iniquità.
    Era destino, ed era giusto, siamo nell'Italia dei Berlusconi e dei ceti politici sempre verdi.
    Doveva finire con qualche comizio in piazza San Giovanni, è finita con ore di resistenza...
    Que se ne vayan todos (ma proprio todos).

    plus militant