a



CONFLITTI GLOBALI

Domenica 27 luglio, giornata di chiusura del festival Traffic a Torino, un gruppo di attivisti filopalestinesi si è presentato in piazza S.Carlo fin dalle 19,30 per seguire i concerti con bandiere palestinesi, esibendo il cartello BOYCOTT ISRAEL e un grosso striscione alto con la scritta STOP AL MASSACRO DI GAZA – PALESTINA LIBERA. Prima dell’inizio dell’esibizione dei Litfiba, intorno alle 22, gli organizzatori e Piero Pelù hanno incontrato alcuni compagni e un portavoce è salito sul palco facendo appello alle…
Domenica 27 Luglio 2014 20:04

Domenica di bombardamenti a Gaza In primo piano

Con l'entrata dell'operazione Protective Edge al suo ventesimo giorno, continua l'aggressione dell'esercito israeliano alla popolazione di Gaza. La precedente tregua, durata 12 ore, è terminata ieri sera alle 19, nonostante circolasse la voce di una probabile estensione di altre 4 ore. Secondo le principali forze politiche palestinesi, sarebbe stata inacettabile poichè i carri armati dell'IDF sarebbero rimasti nella Striscia, impedendo così alle persone sfollate di raggiungere le proprie abitazioni. Sono così ripresi i bombardamenti che sono proseguiti per tutta la…
Domenica 27 Luglio 2014 19:40

Parma si oppone all'aggressione su Gaza

Nella giornata di giovedì il Comune di Parma ha votato all'unanimità un ordine del giorno in cui si "chiede al governo una ferma condanna allo stato di Israele, basato su una politica di apartheid, esclusione e ghettizzazione della popolazione palestinese, alla luce dell'operazione Prtective Edge". Per raggiungere tale risultato è stata determinante la pressione che durante tutto il giorno è stata fatta dal presidio riunito sotto il comune, organizzato da il Gruppo d'Azione  per la Palestina e la Comunità palestinese…
Per il terzo sabato di fila Torino è scesa in piazza al fianco della resistenza del popolo palestinese per denunciare con forza l'ennessima aggressione ingiustificata e criminale da parte dello stato di Israele nella striscia di Gaza. Il corteo si è mosso verso le tre di pomeriggio partendo dalla moschea di San Salvario, quartiere multientico da sempre sensibile alla questione della solidarietà nei confronti dei popoli oppressi. Una manifestazione partecipata da almeno duecento persone che hanno risposto all'appello dell'associazione Giovani…
Ci rivolgiamo agli Ebrei in tutto il mondo perché rispondano all’appello di Haider Eid, attivista politico e cronista, ad “assediare i consolati israeliani” e protestare contro gli eventi sionisti che tentino di giustificare il massacro israeliano dei Palestinesi. Riportiamo sotto le azioni che gli Ebrei intraprendono o a cui partecipano contro il genocidio. Vi preghiamo di unirvi a noi – organizzate picchetti, proteste, azioni creative, sit-in, manifestazioni ed azioni dirette di protesta – gridando il più forte possibile – contro il…
Un corteo notturno di quasi cinquecento persone ha attraversato ieri il centro di Palermo. Cresce l'indignazione e la partecipazione a questo terzo appuntamento cittadino per quanto sta accadendo nella Striscia.  A quasi venti giorni dall’inizio dei bombardamenti israeliani su Gaza, Palermo è di nuovo scesa in piazza in sostegno del popolo palestinese e contro il terrorismo criminale dello stato israeliano. La maggiore partecipazione al corteo notturno di ieri rispetto alle ultime due iniziative, ci segnalano come anche nella nostra città,…
Sabato 26 Luglio 2014 09:47

Tregua di 12 ore, nuovo massacro a Khan Yunis In primo piano

E’ cominciata alle 7 italiane la tregua “umanitaria” di 12 ore approvata dal governo israeliano e da Hamas, assieme ad altre otto formazioni armate palestinesi. Pesa ancora il secco “no” che Israele ha detto ieri sera al piano per un cessate il fuoco di sette giorni proposto dal segretario di stato Usa John Kerry, quando erano in molti, anche nello Stato ebraico, a dare per certa la sua approvazione. Secondo il governo Netanyahu, l’iniziativa del capo della diplomazia americana, accoglierebbe…
Mentre oggi, il gabinetto di sicurezza israeliano si incontrerà per discutere della proposta di tregua del segretario di Stato Usa John Kerry, il bilancio delle vittime dall'inizio dell'operazione Protective Edge, sale a oltre 815 morti palestinesi, numerosi feriti e migliaia di sfollati. Sul piatto della proposta elaborata da John Kerry, una tregua temporaea di una settimana, a partire da domenica, durante la quale Israele e Hamas comincerebbero a negoziare al Cairo su punti di sicurezza, economici e politici, per un…
Come studiosi, personaggi pubblici e attivisti che testimoniano il genocidio, previsto, di 1.800.000 Palestinesi che vivono nella Striscia di Gaza, chiediamo un cessate il fuoco con Israele solo a condizione della fine del blocco e il ripristino delle libertà fondamentali che sono state negate al popolo per più di sette anni. Le nostre preoccupazioni principali non sono solo per la salute e la sicurezza delle persone nella nostra comunità, ma anche la qualità della loro vita: la condizione obbligata di…
Pagina 1 di 132