a

 

CLIPBOARD

Andando oltre le voci che parlano di una possibile discesa in campo di Mark Zuckerberg in politica, sono da cogliere con attenzione i suoi pensieri degli ultimi giorni in cui mette a disamina il presente dal suo punto di vista. Il fondatore,nonché l'esponente più in vista del colosso aziendale Facebook, si pone come un punto di riferimento della globalizzazione ai tempi della “crisi”, affermando sostanzialmente di essere colui che, insieme ai detentori del comando sulle IT, può dare una sterzata…
Mercoledì 28 Settembre 2016 22:26

#Zuxit, i meme in sciopero

Come molt* compagn* ed admin di pagine militanti sperimentano periodicamente, Facebook è un ambiente di espressione tutt'altro che neutrale: ammonizioni, sospensioni e cancellazioni arbitrarie di contenuti, pagine e profili sono qualcosa di non inconsueto, per non dire costante nei processi di circolazione di informazione alternativa. Gli algoritmi che determinano queste forme di repressione digitale - nel solco di un'oscura policy, tanto censoria quanto stridente rispetto all'imperativo rivolto agli utenti di "condividere" e rendersi trasparenti - sono ora nel mirino di…
di Nique La Police (SenzaSoste.it) RISCHIO E MUTAZIONE E’ ormai chiaro che non c’è solo il ‘900 a testimoniare la grande difficoltà della filosofia a concepire le tecnologie se non, generalmente, in termini di entropia sociale e alienazione oppure di utopia realizzata e di entusiasmo. Anche l’inizio del XXI secolo, nonostante la crescita impressionante sia della dimensione pragmatica di quella teorica della comunicazione tecnologica (e in termini impensabili lungo tutto il ‘900) ha mostrato il riproporsi di entrambi i fronti…
Lo scorso mese di dicembre all'incirca 50 persone note nel mondo dell'attivismo (non solo) digitale hanno ricevuto una mail da Twitter, con la quale venivano informate che i propri account erano stati presi di mira da dei non meglio definiti "State Sponsored Actors". In parole povere, un tentativo di attacco informatico da parte di una non meglio identificata entità statale, allo scopo «di ottenere informazioni quali indirizzo email, IP e numero di telefono dei profili». Una minaccia non secondaria, se…
«I terroristi sono andati a scuola», dice il direttore della CIA John Brennan. La materia con ISIS tra i banchi, nel mondo di Brennan, è “crittografia”, ovvero come comunicare al riparo da occhi indiscreti; e il docente di quella classe immaginaria Edward Snowden, la fonte dello scandalo Datagate. Sarebbe questo il motivo per cui l'attentato di Parigi, per quanto pianificato e coordinato, è rimasto invisibile, sfuggendo ai sofisticati e già accresciuti poteri di sorveglianza dell'intelligence francese: perché questa scuola di…
Giovedì 08 Ottobre 2015 14:01

La sentenza della Corte Europea vs Facebook: privacy o denaro? In primo piano

(Intervista a Carola Frediani) Gli scorsi giorni i quotidiani hanno dato una certa rilevanza alla decisione della corte europea che ha stabilito che le aziende digitali statunitensi non potranno più essere considerate adeguate e sicure nella gestione della privacy dei cittadini europei. La corte scopre l'acqua calda, verrebbe da dire in prima battuta... La vicenda avrà comunque delle conseguenze concrete e dirette su alcuni aspetti non indifferenti della legislazione continentale sul mondo digitale. La sentenza ha infatti dichiarato invalido il…
Venerdì 02 Ottobre 2015 09:00

Non si può più fumare e giocare a Pes

di Avanzar (Senza Soste)   Con un ritardo di diversi anni rispetto agli anni roventi della serie videludica, i Club Dogo nel 2012 dedicarono un vero e proprio innno a Pro Evolution Soccer. Li si vede in un video balordo, del genere coatto di importazione da spiaggia, dove recitano il grido di battaglia “accendo e dico: Ooooh Yesss/fumo un po' e dopo gioco a Pes”. La propaganda renziana, alla ricerca del nazionalpopolare in ogni dettaglio, ha anche regalato la foto…
Venerdì 11 Settembre 2015 16:33

Un mondo di bufale

Internet significa opportunità ma anche insidie: un’analisi sullo stato dell’informazione ai tempi dei social network ed una carrellata sul fenomeno delle bufale, che spesso arriva addirittura ad essere un vero e proprio business.   di Senza Soste Nella società dell’informazione la merce più preziosa è proprio la “conoscenza”, che deriva dallo scambio di saperi e nozioni che viaggiano attraverso la rete. La rivoluzione di internet. Secondo alcune teorie internet contiene in sé i germi della democrazia in quanto si tratta…
Giorgio Ferrari, GiangiLa parola alla radio ROR, un’esperienza militante(a cura di Salvatore Corasaniti) Giorgio Ferrari è esperto di problemi dell’energia, e in particolare di combustibile nucleare (autore con Angelo Baracca di Scram ovvero la fine del nucleare, Jaca Book, 2011). Membro del Comitato politico Enel e dei Comitati autonomi operai e co-fondatore di Radio Onda Rossa, processato per istigazione a delinquere, apologia di reato e assolto con formula piena. Curatore de «I Volsci. Mensile dell’autonomia operaia romana», «Rossovivo», cofondatore della…
Pagina 1 di 5