a
Header


Vista SempliceLunedì, 22 Settembre, 2014
 Agosto 2014Settembre 2014Ottobre 2014
Venerdì, 05 Settembre, 2014
Fiaccolata In Difesa Della Cavallerizza (20:30)

 

LA CAVALLERIZZA NON SI BRUCIA! 
LA CAVALLERIZZA E’ UN BENE COMUNE DELLA CITTADINANZA!

Venerdì 5 settembre, ore 20,30, nel cortile della Cavallerizza Reale, via Verdi 9, partecipiamo tutti e tutte alla serata di solidarietà dopo l'incendio doloso che ha colpito il Circolo Beni Demaniali! 

 

L’Assemblea Cavallerizza 14:45 insieme al Circolo Beni Demaniali, Gioventura Piemontèisa, C.A.S.T. 1983, A.L.F.A., La Bela Rosin e la soa Gent, organizza una fiaccolata di solidarietà dopo il grave incendio doloso del 30 agosto che ha reso inagibile l’edificio che ospitava il Circolo Beni Demaniali, con gravi perdite materiali e morali.
Ci muoveremo con una fiaccolata per le vie del centro per ribadire che la Cavallerizza non si brucia, è un patrimonio della città di Torino e dei suoi abitanti. 
Al termine della manifestazione, rientreremo a fiaccole rigorosamente spente in Cavallerizza, dove si terrà una serata musicale; i fondi raccolti saranno devoluti in beneficenza al Circolo per una più rapida ripresa delle attività, che vogliamo trovino al più presto di nuovo sistemazione all'interno del complesso!

La partenza è prevista per le 20,30 da via Verdi 9 con rientro in Cavallerizza, a fiaccole rigorosamente spente!

Evento Facebook




Venerdì, 12 Settembre, 2014
INTERPRETARE IL MONDO PER CAMBIARLO [Modena] (16:30 - 17:30)
INTERPRETARE IL MONDO

PER CAMBIARLO

 

La nostra azione per trasformare il mondo, a parità di

altre condizioni, è tanto più efficace quanto più giusta

e avanzata è la nostra interpretazione del mondo.

 

P { margin-bottom: 0.21cm; }

- VENERDI' 12 SETTEMBRE -

h 16.30
LOTTE, RIAPPROPRIAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DAL BASSO DEGLI SPAZI URBANI
Warm-Up verso l'Infoaut Connection

Interverranno: Cavallerizza (Torino) - Social-Log (Bologna) - Ex Depo 51 (Modena)

h 21.00
BANDOLERO MOVEMENT Reggae-Dub-Jungle Music

 

Festival_filosofia_2014




Sabato, 13 Settembre, 2014
INTERPRETARE IL MONDO PER CAMBIARLO [Modena] (16:30 - 17:30)
INTERPRETARE IL MONDO

PER CAMBIARLO

 

La nostra azione per trasformare il mondo, a parità di

altre condizioni, è tanto più efficace quanto più giusta

e avanzata è la nostra interpretazione del mondo.

                                             - SABATO 13 SETTEMBRE -

h 16.30
LA CITTA' NELLA GLOBALIZZAZIONE
Trasformazioni urbane tra speculazioni, gentrificazione e percorsi di riappropriazione

Interverranno:
- UGO ROSSI (Docente universitario in geografia
economico-politica, Università di Torino)
- AGOSTINO PETRILLO (Docente universitario in sociologia dell'ambiente e del territorio, Università di Milano)
-NICCOLO' CUPPINI (Redattore InfoAut.org)

h 21.00
WAREHOUSE PROJECT and BUM
House-Minimal-Electro Music

 

 

 

Festival_filosofia_2014




Mercoledì, 17 Settembre, 2014
Kurdistan Nell'occhio Del Ciclone [Bussoleno] (21:30)

SERATA INFORMATIVA CON DANIELE PEPINO e proiezione del video-documentario:
“YPJ. UN GIORNO IN SIRIA TRA LE DONNE CURDE COMBATTENTI”
VIDEO : http://youtu.be/5A9aqxkCr_E
“Il Medio Oriente è in fiamme.
L'ordine imperiale si sta sgretolando, crollano gli Stati nazione, si sfaldano le frontiere…
Tra le macerie dell'ordine mondiale, il popolo curdo si trova, ancora una volta, "nell'occhio del ciclone", in mezzo a massacri, pulizie etniche, stupri, riduzioni in schiavitù…
Contrariamente alle menzogne della propaganda occidentale, chi sta davvero combattendo sul campo le aggressioni dello Stato islamico, e le mire delle potenze capitaliste, sono le forze del PKK-PYD, alla guida di un movimento popolare, dal basso, fatto di uomini e donne, uniti al di là delle barriere nazionali, etniche, religiose…
È un processo rivoluzionario, che da oltre due anni ha liberato la regione del Rojava (nord-Siria) riorganizzando la vita sociale – pur nelle difficoltà dovute alla guerra e all'isolamento – sulla base del protagonismo popolare, dell'uguaglianza di genere e della difesa dell'ambiente.
È qualcosa di dirompente nello scenario mediorientale, su cui è necessario – per lo meno – incominciare a rompere l’agghiacciante censura mediatica”.

ORE 21.30 ALLA CREDENZA DI BUSSOLENO




Giovedì, 18 Settembre, 2014
Presidio No Tav All'aula Bunker E Sotto Sede Ltf [Torino] (09:30)

ORE 9.30 Aula Bunker Corso Regina Margherita 540 - Torino Zona Vallette a pochi passi dal carcere

 (Bus 29 Direzione Casa Circondariale CAP, in auto parcheggio fra il carcere e la Centrale del Teleriscaldamento) 

7°UDIENZA PROCESSO PER CHIARA, CLAUDIO, MATTIA, NICCOLO’ accusati per terrorismo perchè avrebbero danneggiato un compressore.

PRESENZA SOLIDALE ALLA RIAPERTURA DEL PROCESSO CONTRO LA RESISTENZA NO TAV: 

“…La lotta contro il TAV non è certo confinabile a materiale da codice penale e per questo vogliamo tornare, in occasione della ripresa delle udienze del processo nei confronti di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò, prevista per il 18 settembre, a essere di nuovo al loro fianco IN AULA BUNKER ALLE ORE 9.00.


ORE 13,30 in Piazza Nizza 46 a Torino, di fronte alla sede di LTF

PRESIDIO PRANZO E VOLANTINAGGIO

 

ORE 16 sempre in Piazza Nizza  a Torino

ASSEMBLEA

per discutere idee e pratiche da mettere in campo in vista delle sentenze a carico del movimento NO TAV e non solo




Sabato, 27 Settembre, 2014
Roma Per Il Popolo Palestinese‏ (14:30)
VITA , TERRA, LIBERTA'  PER IL  POPOLO  PALESTINESE
ROMA 27 SETTEMBRE, H 14,30 P.ZA REPUBBLICA:  MANIFESTAZIONE NAZIONALE


Per il 27/9 la Comunità Palestinese in Italia ha fatto appello ad una straordinaria mobilitazione in sostegno del popolo palestinese. A questa chiamata generale stanno rispondendo da ogni angolo del Paese , realtà sociali, sindacali, ambientali, umanitarie, sopratutto la gente comune che dappertutto si era subito  messa in moto per la cessazione dei bombardamenti e per tentare di lenire il martirio e la distruzione di Gaza, operata dal criminale regime israeliano.
ORA CON LA MANIFESTAZIONE DEL 27/9  SI PRETENDE  MOLTO  DI  PIU'.
Non solo la ricostruazione di Gaza- degli acquedotti,fognature, reti elettriche,ospedali,scuole: distrutti - bensì la cessazione dell'assedio e dell'isolamento di Gaza, con l'attivazione di scali aeroportuali e marittimi , l'apertura dei valichi con l'Egitto e Israele senza sottostare ai loro diktat, la possibilità di pesca ben oltre il limite delle 3 miglia, l'import-export diretto.
E NON BASTA ! Perchè il sacrificio di decine di migliaia di morti e invalidati, tra cui tantissimi bambini, non può restare impunito " in attesa della prossima aggressione israeliana", del perdurante genocidio .
C'è bisogno di una azione globale di lotta e boicottaggio nei confronti di tutte le attività israeliane, che determini quel rapporto di forza diffuso e cosciente, l'unico in grado di piegare i governi sionisti alla fine dell'occupazione dei territori palestinesi.

A QUESTO , ULTERIORMENTE DISPONIAMO IL NOSTRO IMPEGNO, SOLLECITANDO :
1) le organizzazioni sindacali, a dichiarare apertamente il boicottaggio delle merci israeliane, attraverso il rifiuto di scaricarle alle banchine aereo e portuali e/o scioperando per impedirlo ;
2) le realtà sociali sul territorio, a tallonare qualsiasi attività pubblica in cui vengano magnificati incontri bilaterali ;
3)gli studenti e i professori universitari a contestare gli accordi " scientico-culturali( e i loro sviluppi)", stabiliti dai rettorati sotto l'egida dei ministeri di riferimento e del governo;
4)i sindaci e i consigli comunali, a decidere di rompere le convenzioni pattuite tra aziende pubbliche locali e le rispondenti israeliane, la più nota quella in campo idrico tra Acea-Mekorot ;
5)le amministrazioni locali , a promuovere delibere a sostegno del popolo palestinese e di condanna dell'agire israeliano, stabilendo al contempo relazioni stabili e/o gemellaggi con territori-città palestinesi;
6) gli antimilitaristi e pacifisti, che già sono in campo per la chiusura delle basi Usa-Nato e contro le " neo armi da guerra,promosse con il sistema Muos-Droni", ad imporre lo specifico divieto dell'uso dei poligoni  agli israeliani, che si addestrano in Italia per portare morte e distruzione al popolo palestinese; oltre a cessare l'export di armi in Israele ;
7) l'avvio dell'adozione a distanza dei prigionieri palestinesi, tale da creare una necessaria e costante attenzione internazionale che funzioni da "protezione contro tortura , abusi e morte",  perduranti nel dispositivo massacrante "tribunali speciali + prigioni-lager", che opera per garantire a Israele  la permanenza dell'occupazione dei territori;
8) gli skipper e i proprietari di barche da diporto, a coinvolgersi per promuovere la più grande regata della storia , quella di  "vela libera tutti" , migliaia di piccole imbarcazioni che si muovono nel Mediterraneo per liberare il tratto di mare davanti a Gaza dall'assedio- blocco  israeliano.

ARRIVEDERCI  A ROMA IL 27/9 CON IL POPOLO  PALESTINESE,
INTANTO FACCIAMO SVENTOLARE  NELLE CASE-BALCONI  I SIMBOLI E LA BANDIERA  PALESTINESE .


Roma 20.9.14                                                                             CONFEDERAZIONE  COBAS


Appuntamenti   Nodo di Bologna   Nodo di Modena   Nodo di Palermo  
Nodo di Pisa   Nodo di Torino