a
Vista SempliceDomenica, 23 Novembre, 2014
 Ottobre 2014Novembre 2014Dicembre 2014
Sabato, 01 Novembre, 2014
Manifestazione Regionale A Firenze - Viva La Resistenza Di Kobane (14:00 - 21:00)

1° Novembre - Giornata Mondiale per Kobane

Appuntamento h 14:30 a piazza S.Maria Novella (Firenze)

Da Pisa appuntamento h 12:45 in Stazione Centrale

SOSTENIAMO LA RESISTENZA DEL ROJAVA!

 

Con la resistenza di Kobanê!
Riconoscere l'autonomia democratica in Rojava e in tutto il Kurdistan!

 

 photo 10005864_10203341256076800_7011449011856024783_o_zpse496020f.jpg

Dal 15 settembre 2014 l'ISIS ha lanciato una grande campagna militare su più fronti contro la regione curda di Kobanê (in arabo: Ayn Al-Arab) in Rojava/nord della Siria. Questo è il terzo assalto di ISIS contro Kobanê dal marzo 2014.

Le bande di ISIS sono state sostenute in questo dai militari turchi, sia logisticamente sia politicamente. Il piano ultimo della Turchia è "l'occupazione del Rojava Kurdistan", esercitando pressione internazionale per creare una zona cuscinetto nella regione. La pre-condizione per la creazione di una zona cuscinetto/no-fly zone, è svuotare Kobanê dalle persone. E distruggere l'auto-governo istituito dai curdi nel corso degli ultimi due anni.
Ma questi piani si sono scontrati con l'eroica resistenza dei combattenti e delle combattenti curde delle YPG/YPJ, che resistono contro tutte le previsioni e difendono la città e i civili che vi sono rimasti. Ora anche la coalizione contro ISIS ha inviato aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa. Kobanê è uno dei tre cantoni del Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale), in cui è stata dichiarata l'autonomia democratica a novembre 2013, con la partecipazione di tutti i gruppi religiosi ed etnici. La creazione di strutture democratiche di autogoverno di base rappresenta un'alternativa democratica per la Siria e l'intero Medio Oriente, e contrasta con le visioni nazionaliste, religiose, fondamentaliste, patriarcali e capitalistiche.

Il modello democratico del Rojava è una spina nel fianco dei gruppi terroristici come Al Qaeda, Jubhat al Nusra e ISIS, così come per le forze regionali ed internazionali. Il sostegno a ISIS da parte del governo turco è davanti agli occhi dell'opinione pubblica internazionale. La Turchia ha inoltre ricominciato i bombardamenti anche sul proprio territorio, nelle zone curde, mostrando il suo vero obiettivo: indebolire i curdi in Siria e in Turchia.

Per fermarli occorre:

    - Disarmare ISIS e isolare gli Stati che lo sostengono (Arabia Saudita, Qatar, Turchia)
    - Aprire un corridoio al confine turco che consenta aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa kurde delle YPG/YPJ che stanno eroicamente difendendo Kobane
    - Riconoscere l'autonomia democratica del Rojava (Kurdistan occidentale) in Siria, esempio di autogoverno e convivenza pacifica fra popoli, religioni, culture diverse, contro il totalitarismo di ISIS
    - Togliere il PKK dalla lista delle organizzazioni "terroristiche" e proseguire il negoziato con Öcalan

    Con la resistenza di Kobanê!
    Riconoscere l'autonomia democratica in Rojava e in tutto il Kurdistan!




    Manifestazione Regionale A Firenze - Viva La Resistenza Di Kobane (14:00 - 21:00)

    1° Novembre - Giornata Mondiale per Kobane

    Appuntamento h 14:30 a piazza S.Maria Novella (Firenze)

    Da Pisa appuntamento h 12:45 in Stazione Centrale

    SOSTENIAMO LA RESISTENZA DEL ROJAVA!

     

    Con la resistenza di Kobanê!
    Riconoscere l'autonomia democratica in Rojava e in tutto il Kurdistan!

     

     photo 10005864_10203341256076800_7011449011856024783_o_zpse496020f.jpg

    Dal 15 settembre 2014 l'ISIS ha lanciato una grande campagna militare su più fronti contro la regione curda di Kobanê (in arabo: Ayn Al-Arab) in Rojava/nord della Siria. Questo è il terzo assalto di ISIS contro Kobanê dal marzo 2014.

    Le bande di ISIS sono state sostenute in questo dai militari turchi, sia logisticamente sia politicamente. Il piano ultimo della Turchia è "l'occupazione del Rojava Kurdistan", esercitando pressione internazionale per creare una zona cuscinetto nella regione. La pre-condizione per la creazione di una zona cuscinetto/no-fly zone, è svuotare Kobanê dalle persone. E distruggere l'auto-governo istituito dai curdi nel corso degli ultimi due anni.
    Ma questi piani si sono scontrati con l'eroica resistenza dei combattenti e delle combattenti curde delle YPG/YPJ, che resistono contro tutte le previsioni e difendono la città e i civili che vi sono rimasti. Ora anche la coalizione contro ISIS ha inviato aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa. Kobanê è uno dei tre cantoni del Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale), in cui è stata dichiarata l'autonomia democratica a novembre 2013, con la partecipazione di tutti i gruppi religiosi ed etnici. La creazione di strutture democratiche di autogoverno di base rappresenta un'alternativa democratica per la Siria e l'intero Medio Oriente, e contrasta con le visioni nazionaliste, religiose, fondamentaliste, patriarcali e capitalistiche.

    Il modello democratico del Rojava è una spina nel fianco dei gruppi terroristici come Al Qaeda, Jubhat al Nusra e ISIS, così come per le forze regionali ed internazionali. Il sostegno a ISIS da parte del governo turco è davanti agli occhi dell'opinione pubblica internazionale. La Turchia ha inoltre ricominciato i bombardamenti anche sul proprio territorio, nelle zone curde, mostrando il suo vero obiettivo: indebolire i curdi in Siria e in Turchia.

    Per fermarli occorre:

      - Disarmare ISIS e isolare gli Stati che lo sostengono (Arabia Saudita, Qatar, Turchia)
      - Aprire un corridoio al confine turco che consenta aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa kurde delle YPG/YPJ che stanno eroicamente difendendo Kobane
      - Riconoscere l'autonomia democratica del Rojava (Kurdistan occidentale) in Siria, esempio di autogoverno e convivenza pacifica fra popoli, religioni, culture diverse, contro il totalitarismo di ISIS
      - Togliere il PKK dalla lista delle organizzazioni "terroristiche" e proseguire il negoziato con Öcalan

      Con la resistenza di Kobanê!
      Riconoscere l'autonomia democratica in Rojava e in tutto il Kurdistan!




      Mercoledì, 05 Novembre, 2014
      ASSEMBLEA PUBBLICA VERSO IL 14 NOVEMBRE (TORINO) (15:30 - 18:30)
      Riuniamoci in assemblea per discutere come continuare la mobilitazione di quest'anno!

      Università di Torino - Palazzo Nuovo
      Via Sant'Ottavio, 20, 10124 Provincia di Torino

      --> Analisi delle mobilitazioni passate (10 e 17 ottobre): cosa ha funzionato? cosa si può migliorare?

      --> 14 novembre, sciopero sociale:
      - perché scendere in piazza? Discussione su Jobs Act, TTIP (trattato di libero scambio tra Stati Uniti e Europa), Piano Scuola e Legge Regionale per il Diritto allo Studio
      - cosa vuol dire "sciopero sociale"? Come si blocca la scuola? E la città? Come sciopera chi non ha un Contratto fisso? Come sciopera un disoccupato? Come sciopera uno studente?
      -Dove sono gli studenti? Discussione su come parlare di politica all'interno delle nostre scuole, su come attivarsi come studenti e su come coinvolgere gli insegnanti nelle nostre lotte

      --> In vista delle recenti elezioni dei rappresentanti di classe e istituto questa sarà un'occasione per conoscersi e confrontarsi, è importante, perciò che tutti i rappresentanti e i collettivi siano presenti.

      --> Nel liceo Darwin i fondi stanziati dalla Provincia non sono mai arrivati e i ragazzi sono costretti a recarsi tutti i giorni in un cantiere a cielo aperto. All'assemblea sarà presente uno studente di questa scuola, ci sarà quindi un momento di condivisione dei problemi di edilizia, e non solo, che colpiscono sempre più istituti.

      --> Discuteremo della situazione in cui si trovano le scuole di Torino e provincia, confrontandoci e decidendo i punti da portare avanti nella data di mobilitazione.



      "LO CHIAMAVANO TEPEPA. Vita E Imprese Di Ennio Senigallia, Di Mestiere Rapinatore" (Torino) (17:30 - 19:30)

      MERCOLEDI 5 NOVEMBRE // H.17.30

      @ aula 6 (1°piano) PALAZZO NUOVO

      proiezione del film:

      "LO CHIAMAVANO TEPEPA. Vita e imprese di Ennio Senigallia, di mestiere rapinatore"

      Old School Autoproduzioni // Infoshop Senza Pazienza

       

      1390630_10152811772702445_1785059736928522841_n




      Bologna - Sciopero Sociale Secondo Atto - Assemblea Cittadina (20:00 - 21:00)
      Assemblea cittadina Mercoledì 5 novembre, ore 20h, Via Zamboni 38

      Lo scorso 16 ottobre i movimenti contro l’austerità e la precarietà e parte del sindacalismo conflittuale hanno realizzato una giornata di lotta davvero importante in tutta Italia. A Bologna 4 piazze differenti hanno praticato blocchi stradali, cortei selvaggi e picchetti. 

      All’interporto i facchini e le facchine del S.I.Cobas hanno bloccato gli accessi con numeri davvero impressionanti, provocando file chilometriche di camion lungo le strade limitrofe al grande hub logistico del nord Italia. Contemporaneamente gli occupanti di case hanno bloccato le strade e hanno sfilato in corteo per la periferia nord della città. Gli studenti medi dandosi appuntamento fuori le scuole hanno bloccato i viali e si sono mossi in cortei selvaggi fino ad unirsi agli studenti universitari che da poco avevano concluso i picchetti delle facoltà in via Zamboni.

      Una ricchezza di iniziativa collettiva che ha dato espressione a variegate esperienze di conflitto sociale e sperimentazione di organizzazione di lotte contro le politiche del governo Renzi.

      Crediamo che a partire dal primo sciopero sociale, logistico e metropolitano della stagione abbiamo la spinta giusta per preparare il secondo atto! Contro lo “Sblocca Italia”, la “Buona scuola”, il “Jobs Act” e il “Piano Casa” costruiamo Sciopero Sociale nei territori!

      Su indicazione condivisa dai movimenti contro l’austerità e la precarietà, dal sindacalismo di base rilanciamo l’appuntamento promosso dall’assemblea del 13 luglio in Val Susa: 14 novembre 

      Scioperiamo la crisi! Continuiamo a costruire l’autunno di lotta del conflitto sociale!


      Venerdì, 07 Novembre, 2014
      Cena Sarda E Concerto BASTABAND Al Newroz (20:00)

      Spazio Antagonista Newroz

      via Garibaldi 72, Pisa

      Evento fb

      Menù:
      -pane frattau o fregola con verdure
      -spezzatino di pecora o pecorino sardo al forno
      -insalata
      -seadas

       cena+concerto: 15 euro

      per info e prenotazioni: 327 1440865


       photo cenasardacolori_zps759644c1.png




      Sabato, 08 Novembre, 2014
      Alluvione Carrara: Chiediamo Le Dimissioni Dell'Amministrazione Comunale (11:00 - 15:00)
      Alle ore 11:00 di sabato 8 novembre: MANIFESTAZIONE PACIFICA davanti al Comune di Carrara per chiedere le dimissioni di tutta la giunta comunale.

      BASTA RIMBALZI! Regione, Provincia, Comune: la competenza è sempre di qualcun altro e a pagarla siamo sempre noi, i cittadini.

      Dopo l'ennesima catastrofe annunciata, dopo le ennesime perdite della popolazione carrarina- dalla casa al lavoro, dalle macchine agli elettrodomestici- considerando che siamo la seconda città più indebitata d'Italia pro capite dopo Torino (loro hanno fatto le Olimpiadi, noi la strada dei marmi), e considerando che abbiamo visto anno dopo anno, ma soprattutto negli ultimi, un continuo scempio delle nostre montagne e siamo stati vittime di fiumi intrappolati e ribellatisi al cemento (l'ultima volta solo due anni fa),

      abbiamo deciso che è giunto il momento di abbandonare i social networks e scendere in piazza TUTTI INSIEME per far sentire la nostra voce. C'è bisogno del supporto di tutti, anche dei nostri AMICI DI MASSA che vivono con la nostra stessa paura ogni volta che piove.

      Non ci serve l'allerta meteo, ci serve UN CAMBIAMENTO, perché noi non ci sentiamo più rappresentati da un'amministrazione che non si muove nell'interesse della cittadinanza.

      Se anche voi condividete questo sentimento, CONDIVIDETE L'EVENTO e SCENDETE IN PIAZZA INSIEME A NOI!

      Le cose LE CAMBIAMO TUTTI INSIEME.



      Trinacria Gio Family - Reggae Night Al Newroz (22:00)

      Spazio Antagonista Newroz
      via Garibaldi 72, Pisa

      Evento fb

       

       photo trinacria8nov_zpsbf03e458.jpg




      Domenica, 09 Novembre, 2014
      Martedì, 11 Novembre, 2014
      Assemblea Pubblica Con A. Fumagalli - Jobs Act, Precarietà E Reddito Verso Il #14N (Torino) (16:00 - 19:00)

      Campus "Luigi Einaudi" ore 16:

      Il 14 Novembre è tempo di sciopero sociale!

      COS'E' IL JOBS ACT??

      Apre l'assemblea Andrea FUMAGALLI. Docente di Economia Politica presso l'Università di Pavia




      Mercoledì, 12 Novembre, 2014
      LE LOTTE SOCIALI E LA LORO ORGANIZZAZIONE A PALERMO: CONFLITTI SUL LAVORO E NELLA METROPOLI (17:00 - 20:00)
      Al tempo in cui l’estrazione di plusvalore (e dunque di pluslavoro) ha esondato i muri della “fabbrica”, del luogo di lavoro classicamente inteso, per estendersi ai territori (alle metropoli, città, spazi extraurbani) e alla vita intera delle persone, come si sviluppano i processi di lotta e le strategie di conquista di diritti? Come rivedere gli interventi “militanti” e ripensare le forme autonome del conflitto? Come si articolano le pratiche di resistenza e di attacco all’altezza della sfida dei tempi?
      Assumendo lo spazio metropolitano come terreno prediletto di sfruttamento e valorizzazione capitalistica, che ruolo viene ad assumere il “salario” come variante dipendente e coordinata principale nella definizione dei rapporti di capitale? Come si configura il nuovo rapporto salario-reddito? E, dal punto di vista soggettivo del lavoro e delle lotte, cosa resta della classica categoria di “vertenza”-
      Il Centro di documentazione delle lotte sociali Zabut vuole proporre una riflessione sul tema dell’organizzazione delle lotte sociali per provare ad aprire una discussione tra le soggettività attive sul nostro territorio.

      LEGGI TUTTO :
      http://centrozabut.wordpress.com/articoli-e-approfondimenti/

      INTERVERRANNO ALLA TAVOLA ROTONDA:

      I LAVORATORI DEL POLICLINICO - SLAI COBAS PER IL SINDACATO DI CLASSE

      I LAVORATORI DELLA SCUOLA - SERGIO RIGGIO COBAS- LUIGI DEL PRETE - USB

      I LAVORATORI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE - MAURIZIO GALICI - COBAS

      I LAVORATORI DELLE PARTECIPATE- MAURIZIO BONGIOVANNI - ALBA CUB

      I LAVORATORI DELLA FINCANTIERI - SERAFINO BIONDO - FIOM

      OCCUPANTI DI CASE - EMILIANO SPERA COMITATO PRENDOCASA PALERMO


      PER INFO E CONTATTI :
      CENTRODOCLOTTESOCIALI@GMAILCOM
      CENTROZABUT.WORDPRESS.COM


      NOV 12 La Rivoluzione In Rojava La Guerra Dell'Isis E La Resistenza Di Kobane (Torino) (17:30 - 20:30)
      Mercoledì 12 novembre alle ore 17.30
      Aula C1 occupata del Campus Luigi Einaudi
      Lungo Dora Siena, 100, 10153 - Torino
      CAMPUS INVADERS e LABORATORIO SGUARDI SUI GENERIS presentano:

      "La rivoluzione in Rojava la guerra dell'Isis e la resistenza di Kobane".

      A Kobane i/le combattenti curdi stanno resistendo all'offensiva dell' Isis. Durante l'incontro discuteremo di quanto sta accadendo in queste settimane e del modello di autorganizzazione sociale che i curdi e le curde stanno elaborando nella zona liberata e autonoma del Rojava.

      Proiezione del documentario: YPJ UN GIORNO IN SIRIA TRA LE DONNE KURDE COMBATTENTI (2014).

      A cura di MED centro interculturale curdo e Daniele Pepino.

      Interverrà Cosimo Caridi collaboratore de " il Fatto Quotidiano".

      10801583_10205462188262851_596997354060564113_n



      Venerdì, 14 Novembre, 2014
      Pisa - Corteo Studentesco #blocchiamotuttoday (08:30 - 14:30)

      Concentramento in Piazza Guerrazzi (Pisa) h 8:30

       

      Evento fb

       

      Venerdì 7 NOVEMBRE al Circolo Utopia in via San Lorenzo 36 alle ore 15 si terrà l'ASSEMBLEA PUBBLICA STUDENTESCA verso la data di mobilitazione del 14, per costruire insieme una giornata di BLOCCO e ottenere finanziamenti per la MESSA IN SICUREZZA delle nostre scuole e SPAZI AUTOGESTITI all'interno dei nostri istituti.

      La giornata del 14 novembre sarà attraversata anche dai sindacati di base e dalla FIOM che per quella data hanno indetto lo SCIOPERO GENERALE per scendere nelle piazze al fianco dei MOVIMENTI STUDENTESCHI E CITTADINI.
      La data del 14 sarà un'opportunità importante per esprimere con determinazione il nostro DISSENSO verso quel sistema scolastico che sempre più somiglia ad una FABBRICA dove lo STUDENTE è costretto ad una PASSIVITA' che gli impedisce di prendere qualsiasi decisione della propria vita scolastica.

      Contro la riforma della BUONASCUOLA, contro i PRESIDI SCERIFFO, contro il CARO LIBRI e CARO TRASPORTI, IL 14 SAREMO TUTTI IN PIAZZA.
      #iIONONCISTO #BLOCCHIAMOTUTTODAY


       photo medi14nov_zpsd5a2b171.jpg




      Pisa - #14N Sciopero Sociale!Blocchiamo La Città (09:00 - 15:00)
      CONCENTRAMENTO ORE 9.00. PIAZZA DELL'AEROPORTO GALILEI

      Ore 8.30 Corteo studentesco partenza piazza Guerrazzi (qui l'appuntamento)

       

       photo 14n_zps248fc221.png

      II governo continua a raccontare che non ci sono risorse per l'istruzione, per la sanità, il trasporto pubblico, l'emergenza abitativa e il reddito ma dall'altra parte, proprio con lo Sblocca Italia, continua a finanziare le grandi opere. Inutili, dannose per la gente e nocive per l'ambiente ma convenienti per le tasche di speculatori, costruttori e mafie. In un paese che si allaga alle prime piogge autunnali, in cui la salvaguardia dei territori è assente e il dissesto idrogeologico una costante, il governo Renzi prosegue il suo attacco alla classi più deboli. Da il piano per "la buona scuola" che se mai attuato trasformerà definitivamente la scuola pubblica in istituti a gestione aziendale. Alla Legge di Stabilità che interverrà con ulteriori tagli alla spesa pubblica, investendo su quelle opere inutili che non solo devastano i territori ma impongono, come l'EXPO, forme vergognose di lavoro volontario e gratuito. Queste scelte determinano una crisi sempre più aspra interamente scaricata sulle spalle dei lavoratori, dei precari e dei disoccupati.

      La sostanza della nuova riforma del lavoro "Jobs Act" del governo Renzi (che completa l'opera dei governi precedenti) è il ricatto del licenziamento, con il completamento dell'abolizione dell'art.18, per far accettare condizioni sempre peggiori di salario e diritti, in un paese in cui la disoccupazione giovanile è al 44%.

      Il governo e le lobby economiche vogliono distruggere ogni diritto del lavoro, che viene considerato un impedimento e un freno alla competitività delle merci sul mercato globale. Ma noi sappiamo che il DIRITTO al REDDITO, a soddisfare i propri bisogni, ad un LAVORO DIGNITOSO va DIFESO, RICONQUISTATO per chi l'ha perso, ed ESTESO A TUTTI E TUTTE!!!

      Per questo le tante vertenze sindacali e sociali che stanno nascendo sul nostro territorio sono patrimonio di tutti e vanno sostenute.

      - La dura lotta dei lavoratori/trici della GB srl ( aeroporto di Pisa settore autonoleggio ) che difendono il loro posto di lavoro e il contratto di lavoro vigente, che l'azienda vorrebbe peggiorare con perdita di diverse centinaia di euro applicando il contratto delle cooperative sociali, è LA LOTTA DI TUTTI che va estesa e riprodotta.

      - I lavoratori/trici AVR dell'igiene ambientale e manutenzione stradale in appalto Pisamo sciopereranno, infatti anche nel loro comparto il tentativo di sostituire il contratto FISE con il CNNL multi-servizi è già in atto.

      Questi esempi sono il preludio di una situazione che dopo il Jobs Act di Renzi sarà all'ordine del giorno. Per respingere tutto ciò è necessario generalizzare le lotte fino a svuotare ogni posto di lavoro, fino a bloccare l'intero paese!

      Per questo lo sciopero sociale e generale del 14 novembre avrà come concentramento la piazza antistante l'aeroporto di Pisa: un simbolo nel nostro territorio di azienda florida che trae profitti dal super-sfruttamento dei lavoratori operanti negli appalti al massimo ribasso, gestiti indirettamente da S.A.T.

      Invitiamo tutti il 14 Novembre ad incrociare le braccia ed a scioperare. E' il momento!

      BLOCCHIAMO LE CITTA'




      Sabato, 15 Novembre, 2014
      CORTEO PER IL DIRITTO ALL'ABITARE Vs Le Politiche Di Austerità E Precarietà Del Gov. Renzi (Bologna) (17:00 - 21:00)
      SABATO 15 NOVEMBRE ALLE 17H PIAZZA DELL’UNITA’
      Contro le politiche di austerità e precarietà del Governo Renzi


      CORTEO PER IL DIRITTO ALL’ABITARE
      CASA - REDDITO - DIGNITA’

      Per il blocco degli sfratti e degli sgomberi
      Per il diritto alle residenze e alle utenze per tutti
      Per l’auto-recupero e il riuso dello sfitto e non utilizzato

      Contrapposizione sociale ai provvedimenti dei banchieri, palazzinari e speculatori!
      Aboliamo Piano Casa - Jobs Act - Sblocca Italia - Buona Scuola!

      Social Log - BOLOGNA METICCIA


      18 ANNI DI ASKATASUNA // CENA DI COMPLEANNO E A Seguire DJ PIDDU & DJ ALEX VALSUSA RETRO' (20:00)
      Sabato 15 novembre il centro sociale askatasuna vi invita a festeggiare i suoi 18 anni di attività!

      _ H.20 cena di compleanno
      menù in arrivo, prezzo 8 euro
      per prenotazioni 3494227403.

      _ H.23 DJ PIDDU & DJ ALEX VALSUSA RETRO'
      (SKA - ROCKSTEADY - NORTHERN SOUL).


      Vinyls As Molotov #3 - Elektro Night Al Newroz (22:00)

      Spazio Antagonista Newroz

      via Garibaldi 72, Pisa

       photo 1912527_813774875339238_5463008845768254380_o_zps0254938f.jpg




      Mercoledì, 19 Novembre, 2014
      NoTavTerzoValico: Fermiamo L'esproprio Di Radimero [Arquata Scrivia] (06:00 - 07:00)
      Cociv tenterà nuovamente di espropriare il terreno su cui sorge parte del Presidio Notav - terzo Valico di Radimero ad Arquata Scrivia. L'affissione all'albo comunale per comunicare la data di esproprio è avvenuta solo due giorni dopo l'alluvione che ha messo in ginocchio il basso Piemonte causando centinaia di migliaia di euro di danni. Le donne e gli uomini dei comitati hanno nuovamente deciso di resistere.

      notavterzovalico_19_11




      Manifestazione Antimilitarista A Sant’Antioco (Sardegna) (09:00 - 14:00)

      Mercoledi 19 novembre si svolgerà dalle ore 09.00 davanti al porto di Sant’Antioco , un sit-in antimilitarista contro le basi e le esercitazioni militari in Sardegna . Il concentramento del sit-in è nel piazzale antistante i cancelli del porto industriale di Sant'Antioco . parola d'ordine: IMMOBILIZZIAMOLI !

      Abbiamo deciso anche di attivarci dal giorno prima, Martedì 18 Novembre, a Sant'Antioco, con una presenza al mercato la mattina e in piazza alla sera, volantinaggi, mostra, proiezioni, spettacoli.

      - COMITATO NO BASI -




      Giovedì, 20 Novembre, 2014
      Pisa - Mobilitazione Dei Quartieri Popolari (16:00)

      Appuntamento alle 16:00 in Logge dei Banchi (Piazza XX settembre)


       photo mobilitazionequartieri_zps6a6e2fc4.pngNESSUNA manutenzione straordinaria degli alloggi?

      NESSUNA risposta per chi subisce il sovraffollamento?

      TROPPI alloggi vuoti nel tuo quartiere?

      FACCIAMOCI SENTIRE!!!!

      Vogliamo che le Istituzioni ascoltino e diano risposte alle migliaia di persone che chiedono di avere degli alloggi dignitosi, che sistemino le case che cadono a pezzi e che non hanno impianti a norma.

       

      Vogliamo che le Istituzioni diano un alloggio idoneo a tutti quei nuclei che da anni vivono in condizioni di grave sovraffollamento e di emergenza sanitaria.

       

      Non vogliamo vedere più SPRECHI di soldi pubblici: palazzi popolari che già dopo pochi anni sono in condizioni vergognose.

       

      Vogliamo che ci sia un investimento dello Stato e un Piano Straordinario di manutenzione!

       

      BASTA alloggi vuoti e famiglie sotto sfratto!

       

      PRESIDIO GIOVEDI' 20 NOVEMBRE ORE 16 IN LOGGE DEI BANCHI, SOTTO IL COMUNE.

      In quest'occasione i comitati consegneranno al Sindaco e alla Giunta comunale lo Statuto del Coordinamento dei comitati di quartiere di Pisa
      Vogliamo che le Istituzioni riconoscano il bisogno dei cittadini riuniti nei comitati di quartiere di essere rappresentati all'interno delle Commissioni.

       

      P.S. Per non far occupare le case non servono porte blindate... BASTA ASSEGNARLE!




      Pisa - Mobilitazione Dei Quartieri Popolari (16:00)

      Appuntamento alle 16:00 in Logge dei Banchi (Piazza XX settembre)


       photo mobilitazionequartieri_zps6a6e2fc4.pngNESSUNA manutenzione straordinaria degli alloggi?

      NESSUNA risposta per chi subisce il sovraffollamento?

      TROPPI alloggi vuoti nel tuo quartiere?

      FACCIAMOCI SENTIRE!!!!

      Vogliamo che le Istituzioni ascoltino e diano risposte alle migliaia di persone che chiedono di avere degli alloggi dignitosi, che sistemino le case che cadono a pezzi e che non hanno impianti a norma.

       

      Vogliamo che le Istituzioni diano un alloggio idoneo a tutti quei nuclei che da anni vivono in condizioni di grave sovraffollamento e di emergenza sanitaria.

       

      Non vogliamo vedere più SPRECHI di soldi pubblici: palazzi popolari che già dopo pochi anni sono in condizioni vergognose.

       

      Vogliamo che ci sia un investimento dello Stato e un Piano Straordinario di manutenzione!

       

      BASTA alloggi vuoti e famiglie sotto sfratto!

       

      PRESIDIO GIOVEDI' 20 NOVEMBRE ORE 16 IN LOGGE DEI BANCHI, SOTTO IL COMUNE.

      In quest'occasione i comitati consegneranno al Sindaco e alla Giunta comunale lo Statuto del Coordinamento dei comitati di quartiere di Pisa
      Vogliamo che le Istituzioni riconoscano il bisogno dei cittadini riuniti nei comitati di quartiere di essere rappresentati all'interno delle Commissioni.

       

      P.S. Per non far occupare le case non servono porte blindate... BASTA ASSEGNARLE!




      Assemblea Pubblica Contro L'omo-transfobia [Torino] (16:30)

      A partire dalla giornata del 5 ottobre scorso, con l’uscita in piazza delle “sentinelle in piedi” e la conseguente e doverosa contestazione, vorremmo proporre un momento di confronto aperto, rivolto a student* ed a tutt* coloro che hanno sentito, in quella contestazione, la possibilità di cominciare un discorso sull’omo e transfobia nella nostra città.

      L’episodio delle sentinelle è solo un sintomo evidente di un odio mai realmente sradicato; la discriminazione è vera e reale, e lo sperimentiamo troppo spesso.
      Sentiamo la necessità di interrogarci sulle cause e le forme che l’omotransfobia assume nelle nostre vite quotidiane, provare a immaginare percorsi di resistenza a partire dalle nostre identità sessuali e di genere.
      L’eliminazione dallo spazio pubblico di ogni identità non eterosessuale opera a diversi livelli, alcuni più espliciti e violenti, altri meno manifesti ma comunque pervasivi e pericolosi.
      Vorremmo che questo spazio di confronto ed elaborazione fosse il più libero possibile, consapevoli anche della delicatezza degli argomenti che vorremmo trattare, e consapevoli della necessità di creare uno spazio che sia “accogliente”, per poter condividere e partire dalle nostre esperienze per andare nella direzione di nuove elaborazioni e soluzioni collettive e condivise.

      Questa assemblea vuole essere anche di sostegno alla Transgender Freedom March, che si svolgerà a Torino il prossimo 22 novembre..

      L'assemblea si terrà giovedì 20 Novembre alle 16.30 a Palazzo Nuovo (via Sant'Ottavio 20, Torino)

      Collettivi e individualità contro l'omofobia

       




      Venerdì, 21 Novembre, 2014
      Fiaccolata Vs Sgomberi E Arresti Nel Quartiere Ticinese. I Quartieri Sono Di Chi Li Vive* - (Milano) (20:30 - 21:30)
      Si conclude una settimana calda per la città di Milano dove ogni giorno i quartieri sono stati invasi da poliziotti e carabinieri per effettuare sgomberi di occupanti di case popolari. Il terreno mediatico preparato nelle settimane precedenti non è bastato per isolare gli occupanti e sgomberare senza incontrare resistenza. Al contrario, in diversi quartieri della città, Corvetto, Giambellino, Trecca, San Siro, Piazzale Cuoco,Ticinese, gli abitanti non si sono fatti intimorire. A decine sono scesi per le strade per presidiare le strade, per stringersi e superare la paura e rispondere con coraggio davanti ai soprusi delle forze dell'ordine.

      FIACCOLATA
      da via Gola per le vie del quartiere Ticinese contro gli sgomberi e gli arresti, per la solidarietà tra i diversi quartieri popolari.

      Solo uniti si vince!
      Difendiamo i quartieri da sgomberi e svendita delle case!

      h 20.30 - Via Gola Milano



      Sabato, 22 Novembre, 2014
      Marcia Pontedera - Pisa Per Sostenere La Resistenza Di Kobane (09:30 - 19:30)

      Marcia per sostenere la resistenza di Kobanê, chiedere la libertà di Öcalan e la pace in Kurdistan

       

       

      22 Novembre 2014 ore 9.30 partenza davanti al Comune di Pontedera

       

      La marcia, di 24 chilometri in tutto, toccherà i Comuni di Cascinaia, Cascina, Navacchio, Pisa

       

      ore 18.30 arrivo a Pisa

       


      Organizza: circolo culturale curdo di Ponsacco

       

      Sostengono: ARCI, Tavola della Pace, Agorà, Rete dei comunisti


      La marcia quest'anno intende in particolare salutare e appoggiare la resistenza di Kobanê e chiedere il riconoscimento dell'autonomia democratica del Rojava (Kurdistan occidentale siriano)

       

      Dal 15 settembre 2014 l'ISIS ha lanciato una grande campagna militare su più fronti contro la regione curda di Kobanê (in arabo: Ayn Al-Arab) in Rojava/nord della Siria. Questo è il terzo assalto di ISIS contro Kobanê dal marzo 2014. Le bande di ISIS sono state sostenute in questo dai militari turchi, sia logisticamente sia politicamente. Il piano ultimo della Turchia è "l'occupazione del Rojava Kurdistan", esercitando pressione internazionale per creare una zona cuscinetto nella regione. La pre-condizione per la creazione di una zona cuscinetto/no-fly zone, è svuotare Kobanê dalle persone. E distruggere l'auto-governo istituito dai curdi nel corso degli ultimi due anni.

      Ma questi piani si sono scontrati con l'eroica resistenza dei combattenti e delle combattenti curde delle YPG/YPJ, che resistono contro tutte le previsioni e difendono la città e i civili che vi sono rimasti. Ora anche la coalizione contro ISIS ha inviato aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa. Kobanê è uno dei tre cantoni del Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale), in cui è stata dichiarata l'autonomia democratica a novembre 2013, con la partecipazione di tutti i gruppi religiosi ed etnici. La creazione di strutture democratiche di autogoverno di base rappresenta un'alternativa democratica per la Siria e l'intero Medio Oriente, e contrasta con le visioni nazionaliste, religiose, fondamentaliste, patriarcali e capitalistiche.

       

      • Disarmare ISIS e isolare gli Stati che lo sostengono (Arabia Saudita, Qatar, Turchia)
      • Aprire un corridoio al confine turco che consenta aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa kurde delle YPG/YPJ che stanno eroicamente difendendo Kobane
      • Riconoscere l'autonomia democratica del Rojava (Kurdistan occidentale) in Siria, esempio di autogoverno e convivenza pacifica fra popoli, religioni, culture diverse, contro il totalitarismo di ISIS
      • Togliere il PKK dalla lista delle organizzazioni "terroristiche" e proseguire il negoziato con Öcalan



      Marcia Pontedera - Pisa Per Sostenere La Resistenza Di Kobane (09:30 - 19:30)

      Marcia per sostenere la resistenza di Kobanê, chiedere la libertà di Öcalan e la pace in Kurdistan

       

       

      22 Novembre 2014 ore 9.30 partenza davanti al Comune di Pontedera

       

      La marcia, di 24 chilometri in tutto, toccherà i Comuni di Cascinaia, Cascina, Navacchio, Pisa

       

      ore 18.30 arrivo a Pisa

       


      Organizza: circolo culturale curdo di Ponsacco

       

      Sostengono: ARCI, Tavola della Pace, Agorà, Rete dei comunisti


      La marcia quest'anno intende in particolare salutare e appoggiare la resistenza di Kobanê e chiedere il riconoscimento dell'autonomia democratica del Rojava (Kurdistan occidentale siriano)

       

      Dal 15 settembre 2014 l'ISIS ha lanciato una grande campagna militare su più fronti contro la regione curda di Kobanê (in arabo: Ayn Al-Arab) in Rojava/nord della Siria. Questo è il terzo assalto di ISIS contro Kobanê dal marzo 2014. Le bande di ISIS sono state sostenute in questo dai militari turchi, sia logisticamente sia politicamente. Il piano ultimo della Turchia è "l'occupazione del Rojava Kurdistan", esercitando pressione internazionale per creare una zona cuscinetto nella regione. La pre-condizione per la creazione di una zona cuscinetto/no-fly zone, è svuotare Kobanê dalle persone. E distruggere l'auto-governo istituito dai curdi nel corso degli ultimi due anni.

      Ma questi piani si sono scontrati con l'eroica resistenza dei combattenti e delle combattenti curde delle YPG/YPJ, che resistono contro tutte le previsioni e difendono la città e i civili che vi sono rimasti. Ora anche la coalizione contro ISIS ha inviato aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa. Kobanê è uno dei tre cantoni del Rojava (Kurdistan occidentale/Siria settentrionale), in cui è stata dichiarata l'autonomia democratica a novembre 2013, con la partecipazione di tutti i gruppi religiosi ed etnici. La creazione di strutture democratiche di autogoverno di base rappresenta un'alternativa democratica per la Siria e l'intero Medio Oriente, e contrasta con le visioni nazionaliste, religiose, fondamentaliste, patriarcali e capitalistiche.

       

      • Disarmare ISIS e isolare gli Stati che lo sostengono (Arabia Saudita, Qatar, Turchia)
      • Aprire un corridoio al confine turco che consenta aiuti umanitari e rifornimenti alle forze di difesa kurde delle YPG/YPJ che stanno eroicamente difendendo Kobane
      • Riconoscere l'autonomia democratica del Rojava (Kurdistan occidentale) in Siria, esempio di autogoverno e convivenza pacifica fra popoli, religioni, culture diverse, contro il totalitarismo di ISIS
      • Togliere il PKK dalla lista delle organizzazioni "terroristiche" e proseguire il negoziato con Öcalan



      22 Novembre: Passeggiata NO TAV A Lonato Del Garda (Brescia) (14:00 - 19:00)
      Il grande successo di partecipazione delle recenti mobilitazioni contro il progetto dell’Alta Velocità Brescia-Verona mostra la concreta possibilità che si crei un movimento popolare capace di bloccare quest’opera inutile, costosa e fortemente dannosa per il territorio e l’economia bresciana. L’entusiasmo e la partecipazione che accompagnano le assemblee mano a mano che vengono organizzate nei paesi mostrano la volontà di intraprendere questa battaglia affinchè si riprenda in mano il futuro di un territorio tanto bistrattato negli ultimi decenni.
      Nonostante questo, sappiamo che il consorzio Cepav 2, il general contractor che ha in carico la realizzazione dell’opera, mostra tutta l’intenzione a voler aprire i cantieri entro la metà del 2015, forte di un sistema legislativo che ancora ci impone le grandi opere come investimenti prioritari per il Paese. Il progetto definitivo è stato infatti depositato e il 6 novembre ci sarà a Roma la prima conferenza dei servizi, mentre il 25 dello stesso mese scadranno i termini per le osservazioni in vista della verifica d’ottemperanza.
      Mano a mano che il progetto viene sviscerato, emergono sia la superficialità con cui è stato redatto, sia le enormi ricadute per il territorio (viabilità di cantiere segnata su cartografie vecchie di trent’anni, zone di stoccaggio di materiali interne ad aree con vincolo archeologico e tutelate dall’Unesco, ecc.).
      Nemmeno il finanziamento da 1,5 miliardi di euro, sbandierato dal consorzio e (secondo loro) inserito nell’ultima legge di stabilità, pare avere dei riscontri reali. Ai limiti della follia, inoltre, la richiesta di apertura di 6 nuove cave di prestito localizzate in quei comuni che oggi registrano la più alta densità di cave e discariche d’Europa.
      E mentre dal dibattito pubblico scompaiono i riferimenti all’utilità dell’opera, soluzioni alternative, più praticabili e sostenibili, sono già state individuate. Come, ad esempio, il potenziamento della linea storica oggi sottoutilizzata, che garantirebbe, inoltre, un risparmio consistente di risorse pubbliche che potrebbero essere destinate per opere ben più utili al territorio e alla collettività (collettore del Garda, bonifiche ambientali, sanità, edilizia scolastica, ecc.).
      Per questo motivo e per dare un ulteriore segnale che non si accettano mediazioni al ribasso, i comitati No Tav dei comuni interessati dal passaggio della tratta Brescia–Verona hanno indetto una nuova passeggiata popolare per sabato 22 Novembre nel territorio del comune di Lonato, che sarà tra i più colpiti dai cantieri.
      Siamo stanchi che i nostri soldi vadano ad alimentare i soliti meccanismi di corruzione e speculazione, le emergenze nel nostro territorio sono altre!

      FERMARLO E’ POSSIBILE, FERMARLO TOCCA A NOI

      Sabato 22 Novembre, h. 14.00, Piazza Martiri della Libertà, Lonato

      #passeggiatanotav #fermarloèpossibile #fermarlotoccaanoi


      Los Fastidios + Causa Al Newroz (21:30)

      Spazio Antagonista Newroz

      via Garibaldi 72, Pisa

      Evento fb

       

       photo Newroz22novembre_zps92f746ee.jpg




      Mercoledì, 26 Novembre, 2014
      Pisa: "Briganti O Emigranti" - Dibattito Su Sud E Movimenti (17:30)

      Palazzo Ricci (Pisa) h 17:30

      Evento fb

      Presentazione del libro "Briganti o emigranti - Sud e movimenti tra conricerca e studi subalterni" a cura di Orizzonti Meridiani (una rete e un percorso di autoformazione, inchiesta sociale e conricerca, promosso da alcuni collettivi politici e centri sociali del Sud d'Italia).

      Se ne discuterà con:

       

      Franco Piperno, attivista, politico e fisico italiano. Con Toni Negri è stato fondatore di Potere Operaio e tra i suoi maggiori leader insieme con Oreste Scalzone, Lanfranco Pace e Valerio Morucci. È stato professore associato di Fisica della materia presso l'Università della Calabria.

      Giorgio Martinico, UniPa, attivo nelle lotte universitarie e metropolitane a Palermo.

       

       photo brigantiemigranti_zps495a8053.png




      Pisa: "Briganti O Emigranti" - Dibattito Su Sud E Movimenti (17:30)

      Palazzo Ricci (Pisa) h 17:30

      Evento fb

      Presentazione del libro "Briganti o emigranti - Sud e movimenti tra conricerca e studi subalterni" a cura di Orizzonti Meridiani (una rete e un percorso di autoformazione, inchiesta sociale e conricerca, promosso da alcuni collettivi politici e centri sociali del Sud d'Italia).

      Se ne discuterà con:

       

      Franco Piperno, attivista, politico e fisico italiano. Con Toni Negri è stato fondatore di Potere Operaio e tra i suoi maggiori leader insieme con Oreste Scalzone, Lanfranco Pace e Valerio Morucci. È stato professore associato di Fisica della materia presso l'Università della Calabria.

      Giorgio Martinico, UniPa, attivo nelle lotte universitarie e metropolitane a Palermo.

       

       photo brigantiemigranti_zps495a8053.png




      Sabato, 29 Novembre, 2014
      CRUSHIN PARTY - Herrera - Drago - Pzzo - Jump (22:00)
      Spazio Antagonista Newroz
      via Garibaldi 72, Pisa
      "SCHIACCIATI DENTRO AI BREAK'N'BEATS"

      Nuovo appuntamento con la Black Music allo Spazio Antagonista Newroz di via Garibaldi a Pisa.
      Dopo la serata del 25 Ottobre con ospite Dj Lugi, tornano i djs di casa nostra con una selezione rigorosamente vinile 100%.
      4 Djs si alterneranno alla consolle spaziando dal souljazz all'electrofunk passando da hiphop e reggae, decine di vinili nuovi e vecchi,remixes e rarità da veri diggers, come ci hanno insegnato nelle one night passate targate Black Friday Crew.

      *Herrera AKA Freddy Bacteria ,dj e producer, ha fuori il suo nuovo album,ascoltatelo su http://medicine.bandcamp.com/

      *Jump AKA Groo(lo)ve, dj di origine sarda ma pisano d'adozione, qui i suoi mixati http://www.mixcloud.com/giampaolo-p/

      *Pzzo, dj fondatore della Black Friday Crew e partner del negozio di dischi Sanantonio42, nonchè conduttore della trasmissione radiofonica RITMO RADIO SHOW http://www.mixcloud.com/RitmoRadioShow/

      *Drago, dj e fondatore di Sanantonio42 qui mixtape,djset e rimandi radiofonici http://www.mixcloud.com/sanantonioquarantadue/


       photo 29novembrenewroz_zps0a91a8e3.jpg




      Appuntamenti   Nodo di Bologna   Nodo di Modena   Nodo di Palermo  
      Nodo di Pisa   Nodo di Torino